Il sito www.pelle-secca.it contiene materiale promozionale autorizzato ai sensi della vigente normativa in materia di pubblicità sanitaria.
OK

Dermatite atopica e pelle secca

La dermatite atopica è una malattia della cute, che si presenta secca, arrossata, con desquamazione e prurito intenso. Può essere associata ad altre manifestazioni di atopia extracutanee, soprattutto asma e rinocongiuntivite allergica.

La dermatite atopica

Esordio e manifestazioni

È una malattia che caratteristicamente esordisce in età pediatrica. Di solito si manifesta all'età di 2-6 mesi sulle guance, per poi interessare la pelle delle pieghe (in particolare l'incavo del gomito e del ginocchio) e i polsi, fino a coinvolgere occasionalmente anche il collo, le caviglie e i piedi.

La pelle della zona colpita si presenta arrossata e molto pruriginosa. Il grattarsi può dare origine a vere e proprie lesioni essudanti che possono dare luogo a croste siero-ematiche talvolta purulente.

Non è tuttora noto il meccanismo eziologico/patogenetico della dermatite atopica. Le più recenti acquisizioni suggeriscono, per alcune forme, un'alterazione della sintesi della filaggrina (molecola fondamentale per la formazione dello strato corneo).

In tutti i casi si riscontra la presenza di una quantità superiore al normale di linfociti T attivati (linfociti T helper di classe 2) nel tessuto cutaneo, segno di una forte componente infiammatorio-immunologica della malattia.

La dermatite atopica ha un decorso cronico, con periodi di quasi completa remissione delle lesioni e di transitori peggioramenti.

La pelle atopica necessita di idratazione costante anche nei momenti di "normalità"

Lenire i sintomi della dermatite atopica? La chiave sta nell'idratazione. Per tenere a bada prurito, lesioni e arrossamenti è necessario idratare costantemente la cute con soluzioni appropriate. E allo stesso modo, sarà opportuno proteggerla e detergerla.

Terapie per la cura della dermatite atopica

Tra le terapie per la cura della dermatite atopica ci sono pomate e creme specificamente studiate per tale disturbo.

Ci si può avvalere anche di altre misure qui riassunte:

  • dietro consiglio medico la terapia antistaminica per via orale per combattere il prurito, che rappresenta il sintomo più fastidioso della dermatite atopica e che in alcuni casi può essere responsabile anche dell'insonnia;
  • il trattamento locale con creme a base di cortisone o di immunosoppressori, che vengono prescritte dallo specialista dermatologo o dal pediatra che ha in cura il bambino atopico (l'applicazione deve essere fatta su cute asciutta e pulita);
  • se il trattamento con creme al cortisone è la terapia più importante, non si devono dimenticare i prodotti ad azione emolliente che idratano la cute e riducono xerosi e prurito (video: come applicare gli emollienti);
  • misure preventive come mantenere le unghie del bambino corte e pulite, evitare ambienti polverosi, troppo caldi o troppo umidi, utilizzare guantini di cotone durante la notte, evitare il contatto con gli animali;
  • trattamenti termali quali bagni, docce, somministrazione di acqua termale da bere associate ad un controllo medico “intensivo” possono prolungare i periodi di intervallo tra la manifestazione di eczema atopico e possono mostrarsi efficaci in molti casi per la riduzione dei disturbi associati alla dermatite atopica.

I rimedi contro la dermatite atopica

La dermatite atopica va trattata con cura, usando prodotti specifici. La cute sana contiene una determinata percentuale di ceramidi, grassi che garantiscono tono e compattezza, trattengono il giusto quantitativo di liquidi e sali minerali ed impediscono agli agenti esterni (batteri, funghi ed allergeni) di attaccarla.

La pelle atopica, invece, ha una barriera cutanea alterata, condizione che la rende più secca e vulnerabile. Per ripristinare il film idrolipidico è necessario adottare trattamenti farmacologici specifici, ma anche idratare la pelle e detergerla delicatamente.

L'uso continuativo di emollienti sembra giocare un ruolo irrinunciabile nella prevenzione delle riacutizzazioni infiammatorie con conseguente possibilità di ridurre l'utilizzo di farmaci topici e/o sistemici.

Idratare e proteggere la cute

Applicare almeno una volta al giorno il prodotto emolliente: la chiave per limitare la riacutizzazione dei sintomi è la costanza. Il trattamento con creme e detergenti specifici va eseguito anche durante i periodi di remissione, poiché la cute resta fragile, esposta agli agenti nocivi e a rischio screpolatura.

È importante lavarsi con acqua tiepida, evitare detergenti aggressivi e preferire saponi rispettosi del PH fisiologico della pelle.

Sarà opportuno anche evitare di frizionare la cute con guanti e spugne e massaggiarla con una crema lenitiva ed emolliente, prodotta con pochi ingredienti e formulati in modo specifico, senza parabeni e profumazioni.

Hai provato il massaggio della pelle? Guarda il video Tecniche di massaggio dedicate alla pelle atopica e/o irritata

Consigli per applicare il prodotto idratante ai bambini affetti da Dermatite Atopica

  • Al mattino e alla sera eseguite un massaggio delicato con la crema emolliente per alleviare il prurito e suscitare sensazioni piacevoli sulla pelle del bambino atopico.
  • Dopo aver scaldato la crema emolliente sul palmo delle mani cominciate a massaggiare le caviglie fino alla parte alta delle cosce, iniziando dalla parte posteriore e terminando con quella anteriore.
  • Eseguite poi un massaggio delicato dai polsi fino alle ascelle.
  • Ponete le mani sulla parte inferiore dell'addome e applicando la crema con grandi movimenti circolari salite fino al collo, quindi scendete lungo le spalle con un movimento avvolgente e delicato.
  • Dopo aver posto il bambino in posizione seduta risalite dal fondo schiena alla nuca con ampi movimenti circolari, senza dimenticare di massaggiare le orecchie con la punta delle dita.
  • Infine, per il viso, scaldate la crema sulla punta delle dita e cominciate il massaggio sulla fronte scendendo sulle tempie, sul naso e sul contorno occhi. Massaggiate la parte laterale del naso e dopo una lieve pressione sulle guance e sul mento dedicatevi al collo del bambino.
Sito realizzato da Karmaweb - Soluzioni per il settore medico