COME PREPARARE LA PELLE AL SOLE

pelle-al-sole

Con l’aumento delle temperature e l’arrivo delle belle giornate torna la voglia di abbronzatura! ATTENZIONE però! Aumentano anche i rischi per la salute nostra pelle. Come possiamo prepararci al meglio, senza rinunciare ai benefici del sole? La regola d’oro è: esporsi gradualmente e con le dovute precauzioni!  Ma soprattutto rispettare il grado di idratazione della nostra pelle, condizione fondamentale per la difesa dai danni uv.

 

Ecco alcuni consigli

 

PRIMO PASSO: PRIMA DELL’ESPOSIZIONE.

Un contribuito utile per prepararsi in anticipo all’abbronzatura consiste nell’impiego di integratori in combinazione ad un regime dietetico ricco di frutta e verdura cosmetici idratanti e rivitalizzanti a base di acido ialuronico. La loro funzione è quella di contrastare il danno ossidativo indotto dal sole (responsabile del fotoinvecchiamento) e stimolare la sintesi della melanina; ciò è possibile grazie ad un mix di sostanze utili a migliorare la fotoprotezione ed a contrastare gli effetti nocivi dei raggi ultravioletti, come carotenoidi (tra cui betacarotene, astaxantina, licopene e luteina), vitamine (A, C ed E), antiossidanti ed oligoelementi (come zinco, selenio, rame e magnesio). Per prepararsi all’esposizione solare, è consigliabile, inoltre, optare per un regime dietetico ricco di alimenti con betacarotene e vitamina E, come frutta e verdura, che aiutano a rigenerare la pelle. Tra gli alimenti più indicati: carote, albicocche, melone, pomodori, spinaciasparagi e frutti di bosco. Utili a mantenere la pelle sana e favorire l’abbronzatura sono anche arance, frutti di bosco, cereali integrali, pesce e semi oleaginosi (tra cui noci, mandorle e nocciole).

 

SECONDO PASSO: DURANTE L’ESPOSIZIONE.

La fotoprotezione in crema, da applicare 20 minuti prima e ogni 2 ore durante l’esposizione solare, può essere scelta in base alle preferenze personali, in base al tipo di pelle o alla presenza di una patologia specifica (pelle secca, acneica, seborroica, con macchie scure, rosaceiforme ecc). Esistono anche diverse texture, indicate in tipologie diverse di pelle: crema, fluido, spray, gel, latte e stick.  La pelle secca trarrà giovamento dall’applicazione di prodotti cremosi e corposi. Le creme solari per la pelle grassa e impura sono caratterizzate da texture leggere, ma allo stesso tempo efficaci. Per pelli sensibili con tendenza alla rosacea bisogna privilegiare filtri solari con alto fattore protettivo 50+ 100+  privilegiando protezioni solari in forma minerale, la cui formulazione è migliorata molto nel corso degli anni e non lascia la pelle bianca. La protezione solare “antietà” per la pelle del viso contiene Acido Ialuronico ad alto e basso peso molecolare per ridurre le rughe su viso e decolleté e per proseguire l’abituale trattamento antietà anche quando ci si espone al sole.

Ognuno di noi ha una pelle diversa e una diversa reazione al sole, che dipende dall’interazione tra fattori ambientali, genetici e stile di vita. Per quanto riguarda i soggetti con carnagione più chiara, la fotoprotezione è ancora più raccomandata in quanto sono soggetti che si abbronzano poco e con maggior rischio di scottatura. La protezione è poi essenziale per proteggersi dal rischio di tumori cutanei e dal fotoinvecchiamento.  Per evitare la comparsa di macchie scure, irritazioni, perdita di elasticità, è bene ricordare l’importanza di idratare correttamente la pelle con creme rivitalizzanti a base di acido ialuronico, vitamine C ed E, antiossiossidanti e sostanze nutritive in grado di preservare l’acqua presente sulla superficie cutanea.

 

TERZO PASSO: DOPO L’ESPOSIZIONE.

Dopo ogni esposizione solare, due step fondamentali: detersione e idratazione! La detersione, del viso e del corpo, è fondamentale per rimuovere i residui di crema foto-protettrice e le altre impurità (sudore, sabbia, ecc.). I prodotti per la detersione devono essere formulati per essere efficaci e al tempo stesso ben tollerati anche dalle pelli più sensibili. Dopo un bagno di sole l’ideale è un detergente privo di sostanze alcoliche e profumi, che deterga la cute ma senza disidratarla. In casi specifici si potrà inoltre optare per prodotti con azione lenitiva e restitutiva. Dopo la detersione la parola d’ordine è IDRATARE! L’esposizione prolungata al sole sottrae alla pelle una notevole quantità di acqua, e provoca un danneggiamento del film idrolipidico e della struttura della barriera cutanea; è pertanto essenziale ripristinare il corretto livello di idratazione cutanea e al tempo stesso aiutare la ricostituzione del film di protezione, migliorando così sia l’aspetto estetico sia quello funzionale della pelle. Questo è uno step importante per tutti i tipi di pelle, diventa fondamentale per tutti coloro che soffrono di pelle secca anche durante la stagione invernale! Per aiutare a riportare la pelle del volto e del corpo alle condizioni ottimali di idratazione, è consigliabile l’applicazione di creme, sieri o emulsioni a base di sostanze idratanti ed umettanti, che consentano allo strato corneo di aumentare il suo contenuto d’acqua; essi dovrebbero essere privi di profumazione e parabeni, a base di principi come glicerolo, vasellina e paraffina che, grazie alla loro azione idratante e filmogena, favoriscono il ripristino della barriera cutanea proteggendo, inoltre, la pelle da prurito e disidratazione e prevenendo la penetrazione di sostanze allergizzanti o irritanti attraverso la barriera cutanea.